Il Visitors Centre



Centro per la divulgazione delle ricerche e degli scavi archeologici dell'Università degli Studi di Milano a Calvatone Romana

Sede: Palazzo del Municipio, via Umberto I, 134 - 26030, Calvatone (CR)
Email: visitorscentre.calvatone@gmail.com
Responsabile: Lilia Palmieri



Il Visitors Centre Calvatone-Bedriacum si trova al primo piano del palazzo del Municipio di Calvatone ed aperto al pubblico su richiesta, inviando con largo anticipo (almeno 10 giorni) una email al seguente indirizzo visitorscentre.calvatone@gmail.com.


Presso il Visitors Centre è possibile accedere a:

  • una mostra fotografica sul sito archeologico dal titolo "Polichne. Bedriacum piccola città della Cisalpina romana. La riscoperta delle origini di Calvatone"
  • due postazioni informatiche dotate di un pannello multimediale, con contenuti interattivi originali, tra cui la nuova ricostruzione virtuale 3D della Domus del Labirinto (una casa romana rinvenuta durante gli scavi archeologici), i video delle campagne di scavo e il documentario girato durante la campagna di scavo 2013 per il programma televisivo "Fatti d'Arte" a cura di Dario Murri (CREMONA1 TV).

Presso il Visitors Centre sono in distribuzione gratuita le seguenti guide e brochures:

  • "Bedriacum. Abitare e commerciare in una 'piccola città' di età romana. Novità da scavi e ricerche dell'Università degli Studi di Milano a Calvatone", a cura di M. Albeni e S. Nava (Calvatone 2011)
  • "La Domus del Labirinto di Calvatone. Visita di una casa romana di Bedriacum", a cura di M. Romagnolo e S. Nava (Calvatone 2014)
  • "Augusto a Bedriacum. Preziosi riflessi dell'età augustea in una piccola città della Cisalpina romana", a cura di L. Palmieri (Calvatone 2014)
  • "A tavola con i Romani di Bedriacum", a cura di S. Nava (Calvatone 2015, ITA-ENG)
  • "Illuminare Bedriacum. Lucerne romane dagli scavi del vicus", a cura di L. Palmieri (Calvatone 2015)
  • "Bedriacum in rosa. Il volto femminile del vicus", a cura di A. Bernardoni e S. Nava (Calvatone 2016)

Dal 2014 è attivo presso il centro il "Fondo Archerlogia Bedriacum".